Lezione di geografia e… non solo

II Perù è conosciuto come la misteriosa terra degli Incas. Con i suoi 1.250.000 Kmq. è circa quattro volte l’Italia.

Tradizionalmente possiamo distinguere nel Perù tre zone: la Costa, la Sierra, la Selva.

La Costa è uno sterminato deserto dove è assolutamente sconosciuta la pioggia. La Sierra è la regione che abbraccia le cime delle Ande, in cui si trovano minerali come rame, ferro, zinco, piombo e abbondano anche l’argento e l’oro. La Selva, che comprende più della metà del Perù, si trova nel versante amazzonico, è ricca di legni pregiati ed è adatta alla coltivazione di canna da zucchero, caffè, cacao, cotone, tè, coca, chinino, caucciù, tabacco, per il fatto che in quella zona il clima è molto piovoso.
Quillabamba si trova tra la Sierra e la Selva e, nonostante l’altitudine di 1000 metri, ha un soprannome che deriva dal suo clima particolare: “la ciudad del eterno verano“, ovvero “la città dell’eterna estate”

 

 

I commenti sono chiusi