La Guarderia

La prima Guarderia

Tra le strutture ad uso sociale che Marisa Ferreri ha ideato, concretizzato e che gestisce in Perù, l’asilo è stata la prima.
L’edificio, già sorto per volontà di uno dei sindaci di Quillabamba per essere destinato ad accogliere i bambini lasciati per strada, era di fatto rimasto in uno stadio intermedio di costruzione per parecchio tempo; ciò che, inevitabilmente, l’aveva portato a deteriorarsi strutturalmente e ad essere oggetto di atti di vandalismo e di furti (tutto il mondo è paese!).

In questo stato fu dato in uso alla “Divina Providencia”, una associazione benefica che Marisa fondò in loco e che – veramente con il soccorso della Provvidenza Divina – riuscì in breve tempo a completare, arredare e far entrare in esercizio.
Sorto per ospitare una quarantina di bambini, manco a dirlo negli anni successivi arrivò a superare le cento presenze contemporanee, con una molteplice eterogeneità di casi: chi poteva rientrare in famiglia alla sera, chi la famiglia non l’aveva proprio e neanche un tetto per ripararsi, chi arrivava in stato di denutrizione e chi con degli handicap lievi od anche fortemente invalidanti.

Conformemente alle impostazioni di cooperazione internazionale, che vedono succedersi, ad un primo momento di assistenzialismo, una fase di trapasso della gestione delle strutture realizzate alla gestione con le risorse ed autonomie locali, Marisa ha reputato giunto il momento, con i primi del 2007, di lasciare camminare con le proprie gambe la Guarderia Infantil, che da quasi un decennio lei stava conducendo.

Il buon funzionamento del servizio “asilo” era ormai da tempo consolidato: struttura ed infrastrutture erano perfettamente funzionanti, i nostri arredi e le nostre attrezzature sarebbero stati lasciati in uso gratuito al Comune, che avrebbe assunto il personale di servizio e di custodia: tutto era pronto e funzionante, se non che, passato al Comune, ….l’asilo venne soppresso ed al suo posto furono fatti uffici!

La Guarderia oggi

Passato pochissimo tempo, si fecero sentire in modo imperioso le necessità di tanti bimbi che non potevano più disporre di quella importantissima risorsa. E così, Marisa fece sorgere un nuovo asilo!
Già a metà 2008, adattando al meglio alcuni locali del piano terreno di un edificio che lei aveva acquistato per la sistemazione dei quattro ragazzi datile in affidamento dal Tribunale, cominciò ad ospitare una decina di bimbi piccolissimi, che oggi sono ormai diventati più di quaranta. Ripresici i mobili e le apparecchiature non utilizzati dal Comune, il nuovo asilo sta funzionando egregiamente e solo la Provvidenza sa come e quanto si evolverà in futuro.

Nel 2018 sono stati rifatti i pavimenti, sistemate le aule per i più gradi e posizionata un grande tensostruttura per l’area giochi.

I commenti sono chiusi